Chibi, come si disegnano? Sono talmente piccoli e talmente carini che ognuno di noi vorrebbe poterli realizzare. Come fare un chibi? In questo post ve lo svelerò in 3 semplici passaggi!

Kakie chibi by Diana Marra

Come fare un chibi: 3 passaggi

Un chibi è un personaggio dalla testa enorme e dal corpo piccolo e paffuto. Il suo punto forte è la dolcezza, o meglio, il suo essere kawaii (anche quando non avrebbe nulla del genere nel suo design). Il mio consiglio è di partire da 3 passaggi base:

  1. sketch, ovvero lo schizzo;
  2. lineart, la linea pulita;
  3. coloring, la fase di colorazione.

Sia che si parli di un disegno tradizionale, sia digitale, le fasi sono identiche. Cambiano ovviamente gli strumenti e gli attrezzi del mestiere. Nel mio caso ho realizzato questo chibi in digitale, con il software Paint Tool SAI e una tavoletta grafica Wacom.

Ecco cosa potete aspettarvi da questa guida:

Chibi come si disegnano - step by step

 

Come fare un chibi: Sketch

Lo sketch è la parte iniziale del lavoro: quella dove si buttano giù le idee e si inizia a provare. In questa fase conta parecchio l’ispirazione e non si cerca la perfezione del disegno, bensì delle caratteristiche particolari. Saranno queste a fare la differenza nel disegno concluso. Esistono sketch puliti o meno, dettagliati o relativamente semplici. Tutti però hanno la funzione di esprimere su carta il proprio progetto mentale.

Ad esempio, per questa piccoletta, volevo qualcosa di colorato, estroso e in movimento. Avevo già in mente il verde.

Come fare un chibi: Lineart

Il prossimo suggerimento in questa guida su “come fare un chibi” è quella di prestare attenzione alla lineart. Certo, ogni artista ha la sua tecnica e alcuni non fanno proprio uso delle lineart. Ma se siete agli inizi e volete un lavoro semplificato, vi invito a fare una lineart quanto più pulita possibile. In particolare:

  • ben definita, con linee che toccano tra loro (e soprattutto chiuse se lavorate in digitale!);
  • su un foglio pulito (alias un nuovo livello).

Risparmierete tanta fatica nella fase successiva!

Come fare un chibi: Coloring

Il coloring, ossia la fase della colorazione, è una parte importante per un risultato finale che sia gradevole e renda il chibi particolare. Esistono molteplici tecniche e tipologie di colorazione, di solito variano tra un soft shading e un cell shading.

In questa fase è possibile anche correggere eventuali errori della lineart. Ovviamente, a seconda del processo seguito sarà più o meno semplice, ma il colore da la resa effettiva del lavoro svolto.

Come fare un chibi: prima e dopo

Siamo alla fine di questo tutorial e dunque, vi invito a considerare l’effetto prima/dopo. In particolare, dalla lineart al colore, perché è li che si notano le differenze maggiori.

Delle linee nere su sfondo bianco prendono consistenza. Il disegno diventa vivido, colorato e cattura subito l’attenzione. La piattezza del 2D è meno accentuata e riflessi e bagliori evidenziano il personaggio.

Tutto questo, in un piccolo chibi!